08 Febbraio 2023

SPLIT PAYMENT: PASSA PER INTERNET LA VERIFICA DEI SOGGETTI OBBLIGATI

Il fornitore potrà verificare direttamente nell´anagrafica Ipa la categoria di appartenenza dell´ente pubblico acquirente, ferma restando la facoltà di interpello nei casi dubbi

Con la circolare 1/E del 9 febbraio 2015, l´Agenzia delle Entrate illustra l´ambito applicativo dello split payment, il meccanismo di sdoppiamento del pagamento introdotto dalla legge di stabilità 2015 con l´inserimento, nel Dpr 633/1972, del nuovo articolo 17-ter.

A partire dall´1 gennaio scorso, infatti, le pubbliche amministrazioni, in relazione agli acquisiti di beni e servizi effettuati nel territorio dello Stato, devono pagare ai fornitori solo il corrispettivo, versando invece direttamente all´erario l´Iva, regolarmente addebitata in fattura.

Come chiarisce il documento di prassi, sono tenuti a applicare lo split payment per gli acquisiti effettuati sia in ambito non commerciale, ossia in veste istituzionale, sia nell´esercizio di attività d´impresa:

 lo Stato e gli altri soggetti qualificabili come organi dello Stato, ancorché dotati di autonoma personalità giuridica
 gli enti pubblici territoriali e i relativi consorzi tra gli stessi, costituiti ai sensi dell´articolo 31 del Tuel, nonché le comunità montane, le comunità isolane e le unioni di Comuni.
 le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, comprese le relative Unioni regionali
 gli istituti universitari
 le aziende sanitarie locali
 gli enti ospedalieri, ad eccezione degli enti ecclesiastici che esercitano assistenza ospedaliera, i quali, ancorché dotati di personalità giuridica, operano in regime di diritto privato
 gli enti pubblici di ricovero e cura aventi prevalente carattere scientifico
 gli enti pubblici di assistenza e beneficenza e quelli di previdenza.

Sono invece fuori dall´ambito di applicazione della disciplina le operazioni effettuate nei confronti degli enti previdenziali privati o privatizzati (in quanto la natura pubblica è un requisito imprescindibile per l´applicazione della norma), delle aziende speciali e della generalità degli enti pubblici economici, che operano con un´organizzazione imprenditoriale di tipo privatistico nel campo della produzione e dello scambio di beni e servizi, ancorché nell´interesse della collettività. Pagamento dell´Iva secondo le modalità ordinarie anche per gli Ordini professionali, gli enti ed istituti di ricerca, le Agenzie fiscali, le Autorità amministrative indipendenti, le Arpa, gli Automobile club provinciali, l´Aran, l´Agenzia per l´Italia digitale, l´Inail e l´Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica. Tali enti pubblici non economici, autonomi rispetto alla struttura statale, perseguono infatti fini propri, ancorché di interesse generale.

Il fornitore (ma anche l´acquirente) potrà comunque verificare direttamente in rete la categoria di appartenenza e i riferimenti dell´ente pubblico, consultando l´Indice delle pubbliche amministrazioni (Ipa), alla pagina http://indicepa.gov.it/documentale/ricerca.php.
Tale elenco anagrafico, precisa la circolare, non può però ritenersi esaustivo e, pertanto, qualora dovessero permanere dei dubbi sull´applicabilità del meccanismo della scissione dei pagamenti, l´operatore interessato potrà inoltrare specifica istanza di interpello all´Agenzia delle Entrate (articolo 11 della legge 212/2000).

La circolare precisa infine che non sono sanzionabili le violazioni eventualmente commesse anteriormente all´emanazione della stessa, nell´incertezza dell´applicazione della norma.
Pertanto, se le pubbliche amministrazioni, dopo il 1° gennaio 2015, hanno corrisposto al fornitore l´Iva a esse addebitata in relazione a operazioni fatturate a partire dalla medesima data e, a sua volta, il fornitore abbia liquidato secondo le modalità ordinarie l´imposta incassata dalle pubbliche amministrazioni, non occorrerà effettuare alcuna variazione.
Se, invece, il fornitore ha erroneamente emesso fattura con l´annotazione "scissione dei pagamenti", sarà necessario effettuare una correzione ed esercitare la rivalsa nei modi ordinari. In tal caso, le pubbliche amministrazioni dovranno corrispondere al fornitore anche l´Iva relativa all´operazione ricevuta.


Fonte: FiscoOggi

realizzazione siti web: www.it-civitas.net
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo E-mail per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

visibility
NON SONO REGISTRATO

crea account
invia a un amico
icona per chiudere
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
(Testo completo) obbligatorio
generic image refresh


cookie